Rotolini bicolori

Ingredienti per 6 rotolini / Ingredients for 6 rolls:

  • 6 fette di pane a cassetta / slices of bread
  • 2 uova sode / hard-boiled eggs
  • un ciuffo di insalata mista (rucola, crescione, lattuga) / a tuft of mixed salad (arugula, watercress, lettuce)
  • un cucchiaio di maionese / a tablespoon of mayonnaise
  • 3 grosse fette di salmone / thick slices of salmon
  • 2 cucchiai di aneto tritato / tablespoons of chopped dill
  • 60 g di burro / butter
  • sale e pepe / salt and pepper
Preparazione / Preparation:
Montate il burro con le fruste elettriche finche diventera soffice, quindi aggiungete una presa di sale e montate ancora per un minuto. Spalmate le fette di pane con il burro. Cospargete 3 fette con un cucchiaio di aneto, coprite con le fette di salmone, e pepate.
Whip the butter with electric whisk until become soft, then add a pinch of salt and whip for another minute. Spread the slices of bread with butter. Sprinkle 3 slices with a tablespoon of dill, cover with slices of salmon, and peppered.
Appoggiate ogni fetta di pane sopra un foglio di alluminio e, aiutandovi con questo, arrotolate il pane, ben stretto. Avvolgete poi completamente i 3 rotoli nell’alluminio e metteteli in frigo.

Place each slice of bread on a sheet of aluminum, helping you with this, roll up the bread tightly. Then wrap completely in aluminum the 3 rolls and place in refrigerator.

Schiacciate le uova con una forchetta. Salatele, unitele all’insalata affettata sottilmente e alla maionese e mescolate bene. Preparate gli altri 3 rotoli con le uova al posto del salmone e mettete anche questi in frigo. Dopo un’ora, prelevateli e privateli dell’alluminio. Passate nell’aneto tritato i rotoli al salmone e nella paprica quelli alle uova. Tagliateli a rondelle e sistemateli, alternati, su un piatto da portata.

Mash the eggs with a fork. Add salt, mix them with the salad, thinly sliced, and mayonnaise and mix well. Prepare the other 3 rolls with eggs instead of salmon and also put them in the fridge. After one hour, take them out and eliminate the alluminium. Spend  the rolls with salmon on the chopped dill and on the paprika those with eggs. Cut into slices and arrange them, alternating, on a serving platte.

Annunci

Ricette light – Tagliatelle di frittata al basilico

Io adoro la frittata e ci sono moltissimi modi per prepararla. Ecco a voi una ricetta golosissima.

Ingredienti:

  • 6 uova
  • 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato
  • 250 g di pomodorini ciliegia
  • 2 cucchiai di capperi sotto sale
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 piccola cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 manciata di foglie di basilico
  • olio di oliva
  • sale e pepe

Preparazione:

Lava le foglie di basilico, asciugale delicatamente e spezzettane metà con le mani. Sbatti le uova in una ciotola con il prezzemolo tritato, una parte delle foglie di basilico spezzettate, il parmigiano, sale e pepe. Ungi con un velo d’olio la padella, scaldala a fuoco medio, versaci una parte del composto, sufficiente a ottenere una frittatina sottile. Lascia cuocere per 2-3 minuti e gira la frittatina, aiutandoti con il coperchio o con un’altra padella della stessa dimensione. Cuoci la frittatina per 2-3 minuti anche su questo lato. Prepara altre frittatine allo stesso modo, fino a esaurire tutto il composto.

Lascia raffreddare le frittatine. Arrotolale, una  per volta, e tagliale a strisce, in modo da ottenere delle “tagliatelle” di 1 cm di larghezza.

Pulisci i pomodorini, lavali e tagliali a spicchi. Sciacqua abbondantemente i capperi per dissalarli e  asciugali. Spella la cipolla, lavala e tritala. Schiaccia delicatamente  lo spicchio d’aglio, spellalo, elimina l’eventuale germoglio e  tritalo. Fai imbiondire aglio e cipolla in una larga padella con un filo  d’olio, unisci i pomodorini e i capperi e cuoci per 5 minuti a fuoco vivo. Regola di sale (se necessario) e pepe. Aggiungi le “tagliatelle” di frittata e lasciale insaporire per qualche istante, girandole con delicatezza. Profumale con il basilico spezzettato rimasto, decora con le foglie intere di basilico e servi.

La colazione

E’ arrivata l’ora della colazione. Numerosissimi studi sottolineano l’importanza della prima colazione.

Il concetto viene puntualmente ribadito dai medici e dai media e non vi è dieta seria che non ne preveda una. Nonostante ciò, dati alla mano, una buona percentuale di italiani è solita saltare questo importante pasto. Un’altra buona percentuale, pur facendo regolarmente colazione, si affida a scelte dietetiche scorrette tipo brioche, biscotti, fette biscottate…

Perché la colazione è così importante?

Il concetto è semplice: chi non fa colazione al mattino è portato a mangiare molto di più nel corso della giornata, con il rischio di eccedere e di ingrassare.

Una prima colazione nutriente permette di iniziare la giornata con vitalità senza arrivare stanchi ed affamati alla pausa pranzo.

E’ scientificamente dimostrato che chi salta questo importante appuntamento con la salute ha maggiori difficoltà di concentrazione durante la mattinata. Non solo, la successiva abbuffata a pranzo, condiziona negativamente anche il rendimento pomeridiano a causa dell’eccessivo sbalzo insulinico e del grosso impegno digestivo.

Una prima colazione nutriente contribuisce a risvegliare e ad accelerare il metabolismo corporeo, regalando quella sferzata di energia necessaria per affrontare la giornata con il giusto spirito.

Se al mattino andate di fretta e non avete tempo per fare colazione provate a preparare ciò che serve la sera prima o a consumare qualcosa mentre andate al lavoro.

A colazione prova a mangiare…

A casa nostra la colazione è sempre abbondante: la frutta, affettato (prosciutto crudo, speck, bacon), le uova (in camicia, strapazzate), il caffè latte ed i cereali. La frutta e un ottimo alimento da consumare a colazione. Fornisce vitamine, antiossidanti, fibre e aiuta il ripristino delle riserve glucidiche. Non affatica l’apparato digerente e stimola il processo di detossificazione dell’organismo che durante la notte raggiunge i massimi livelli.

Nei viaggi che facciamo io adoro la colazione, soprattutto quella inglese…